Archivio mensile:ottobre 2013

MONZANTIFASCISTA


monza antifa

Sabato 9 novembre

Monza P.zza Centemero e Paleari

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,


professione disoccupato

Il diritto del lavoro e i diritti dei lavoratori in un ciclo cinematografico.

Primo appuntamento: 8 novembre – Muggiò – Via Baruso, 3 sede PRC

Contrassegnato da tag , , , , ,

CON I LAVORATORI E LE LAVORATRICI DI ALCATEL-LUCENT


Contro l’ennesimo piano di licenziamenti e dismissioni

 

Rifondazione Comunista è con le ragioni e le giuste rivendicazioni dei lavoratori/lavoratrici di Alcatel-Lucent che chiedono il ritiro di tale pesante piano di dismissione e licenziamenti che comporta 5870 tagli per l’Europa e 586 esuberi per la sola Italia.

Alcatel-Lucent, multinazionale franco – americana presente in Italia con numerosi sedi e oltre 2000 dipendenti, ha annunciato, il giorno 8 Ottobre a Parigi, alla riunione plenaria dell’ECID, un taglio di 15.000 lavoratori e lavoratrici. Tutto questo entro la fine 2015.

I dati ed i numeri di questo ulteriore pesante piano di ristrutturazione e dismissione sono impressionanti.

5870 tagli annunciati per l’Europa, 586 esuberi per la sola Italia

«   L’azienda ha deciso di disinvestire massicciamente in Italia sia sulle attività di R&D, sia sulle attività e servizi di supporto ad essa correlate, sia sulle funzioni centrali. Le dimensioni dei tagli e delle cancellazioni di attività presentate per il nostro paese è enorme e senza precedenti e rappresenterebbe la volontà, da parte della multinazionale, di un completo abbandono e dismissione di Alcatel-Lucent dal nostro paese.   »

Rifondazione Comunista è con le ragioni e le giuste rivendicazioni dei lavoratori/lavoratrici di Alcatel-Lucent che chiedono il ritiro di tale pesante piano di dismissione e licenziamenti.

Rifondazione Comunista è attenta e partecipe nel sostenere tutte le lotte ed iniziative nel comune intento di difendere il lavoro, la dignità del lavoro, le competenze e le professionalità e la presenza industriale di  un settore strategico per il nostro paese.

  • L’intero territorio nazionale, in tutti i suoi comparti produttivi, si sta trasformando velocemente in un deserto produttivo. In Brianza sono 3.000 gli esodati truffati dalle scelte governative, 6.400 i posti di lavoro persi nel 2012 (per la prima volta in Brianza abbiamo un saldo negativo tra assunzioni e licenziamenti) 10.000 i lavoratori in cassa integrazione con il proprio posto di lavoro a rischio, raddoppio dei fallimenti.
  • La disoccupazione aumenta e chi mantiene il posto di lavoro spesso ha un reddito ridotto dal pesante ricorso alla cassa integrazione.
  • Nei prossimi mesi finiranno i soldi per gli ammortizzatori sociali e per molti lavoratori l’unica prospettiva è il licenziamento. Da parte del governo non viene intrapresa nessuna seria iniziativa di politica industriale.
ostenda-6_600

Rifondazione Comunista (Monza e Brianza)

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

PRESIDIO ANTIFASCITA A MONZA 19 OTTOBRE


PRESIDIO ANTIFASCISTA

Sabato 19 ottobre dalle ore 11.30

in PIAZZA CENTEMERO E PALEARI, Monza

 

La recrudescenza del fenomeno neofascista in atto in Europa è ormai giunta al culmine  con l’assassinio degli antifascisti Clément Méric a Parigi nel giugno di quest’anno, e di Pavlos Fyssas ad Atene in settembre per mano di un militante dell’organizzazione neonazista Alba Dorata, cresciuta nel contesto della grave crisi economica e sociale e grazie alle connivenze con settori della Polizia greca.

In Italia la ormai ventennale propaganda omofoba, xenofoba e razzista e la riabilitazione di figure legate al ventennio fascista con l’intitolazione di targhe, strade e monumenti ad opera di partiti che siedono nelle Istituzioni locali e nazionali, ha favorito il proliferare di organizzazioni di estrema destra, con l’inevitabile strascico di manifestazioni e provocazioni.

Solo in Lombardia dall’aprile di quest’anno si sono tenuti ben quattro eventi dichiaratamente fascisti. Ultimo in ordine di tempo il festival Boreal a Cantù in uno spazio pubblico inspiegabilmente concesso da un sindaco di area democratica a Forza Nuova, organizzazione che, dopo la sentenza della Corte di Cassazione del 2010 n. 11, dovrebbe essere al bando nel nostro Paese!

A Monza sono presenti almeno tre associazioni di chiara ispirazione fascista. Lealtà Azione, stabilitasi in via Dante due anni fa, ha recentemente ospitato un’iniziativa con un veterano della Decima MAS che, al fianco dell’alleato nazista, compì eccidi di civili e partigiani tra il ’43 e il ’45. Forza Nuova, rappresentata in città da Leone Crociato, spesso in piazza con  banchetti contro gli immigrati (i volti dei suoi militanti nelle foto pubblicate sul loro blog, sono sempre  mascherati con il teschio simbolo delle SS). CasaPound, i cui militanti si autodefiniscono “fascisti del III° millennio”, presente a Monza dal 2008.

Come in passato questi gruppi strumentalizzano la crisi economica e sociale e il crescente disagio dei giovani e dei cittadini indicando il “nemico” da battere nell’immigrato, alimentando un clima di intolleranza e di conflitto tra poveri.

Le forze politiche e le associazioni  democratiche di Monza sono risolutamente impegnate a contrastare presenza e attività di queste organizzazioni e rivolgono questo appello alla città, alle donne e agli uomini della cultura, dell’arte e della politica affinché cada il muro dell’indifferenza, già fonte nel passato di pericolose derive.

Medesimo impegno può e deve assumere la nostra Amministrazione Comunale alla quale chiediamo, nel rispetto della nostra Costituzione conquistata – è bene ricordarlo – con il sacrificio di tanti partigiani e antifascisti caduti e deportati anche nella nostra città, di inserire nel regolamento per la concessione degli spazi pubblici, il requisito “ANTIFASCISTA”.

Monza, settembre 2013

ADESIONI

ARCI Scuotivento, Città Persone Lista Civica Faglia, Giovani Comunisti, Partito della Rifondazione Comunista Circolo “Peppino Impastato”, UDS Unione degli Studenti, SEL Sinistra Ecologia e Libertà Circolo di Monza, Partito della Rifondazione Comunista Federazione Monza Brianza, Partito Democratico, Comitato Beni Comuni Monza Brianza, Partito dei Comunisti Italiani Sezione “Emilio Acerbi”, Centro Culturale Ricerca CCR, Partito Comunista dei Lavoratori Monza Brianza, Osservatorio Democratico sulle nuove destre, Associazione Culturale NOVALUNA, Comitato per il Parco “A. Cederna”, Comitato “La Villa Reale e’ anche mia”, Partigiani Cristiani, Coordinamento Inquilini Alloggi Comunali, Azione Civile Monza Brianza, CGIL- CISL- UIL Monza Brianza, Associazione Culturale San Fruttuoso, Osservatorio Antimafie Monza Brianza

20131019-monza

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

INCONTRO SU CUBA


CUBA SE 50 ANNI VI SEMBRANO POCHI 1

 

INCONTRO SU CUBA

Venerdì 25 Ottobre

Binario 7 – Monza

ostenda-6_600

Cuba_flags

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

DISTRUGGERE IL CAPITALISMO PER SALVARE L’ISTRUZIONE PUBBLICA!


20 anni di governi di centro-destra e centro-sinistra hanno massacrato il sistema scolastico italiano riportandolo alle condizioni di 50 anni fa. Tagli indiscriminati alla ricerca e all’istruzione di Stato hanno reso l’accesso alla cultura e alla formazione un affare sempre più classista, dove i ricchi sono stati agevolati attraverso l’elargizione di consistenti fondi agli istituti privati mentre le scuole e le università pubbliche cadono a pezzi.

Sempre più giovani faticano ad accedere al sistema universitario, a causa delle eccessive tasse, mentre la disoccupazione giovanile tocca quota 40% lasciando centinaia di migliaia di ragazzi nella disperazione sociale.

Come se non bastasse, è stato introdotto il contributo scolastico con cui si chiede alle famiglie di risolvere i problemi (carenza di materiale didattico, igienico, ecc…) portati dai tagli, legittimando nell’immaginario collettivo l’abbandono del ruolo statale nella soluzione dei problemi, cosa che va contro ai principi stessi della Costituzione nata dalla Resistenza antifascista. Tutto ciò avviene mentre si garantiscono miliardi di euro al sistema bancario, ad opere inutili come la TAV e a strumenti di guerra imperialista come gli F-35.
Questo non avviene per caso bensì per una precisa scelta di garantire gli interessi degli stessi fautori della crisi: il padronato italiano ed internazionale, il grande capitale finanziario.

Noi comunisti riteniamo che per risolvere i problemi scolastici sia necessaria una messa in discussione del sistema capitalista nel suo complesso. È soltanto attraverso un cambiamento radicale del sistema politico ed economico che sarà possibile garantire un futuro per i giovani italiani. Per il cambiamento è necessaria la più ampia partecipazione nella vita politica italiana. Per questo invitiamo tutti a scendere in piazza con noi venerdì 11 ottobre alle ore 9:30 in Piazza Cairoli, per l’inizio di un percorso di lotta.

“SE I GIOVANI SI ORGANIZZANO, SI IMPADRONISCONO DI OGNI RAMO DEL SAPERE E LOTTANO CON I LAVORATORI E GLI OPPRESSI, NON C’È SCAMPO PER UN VECCHIO ORDINE FONDATO SUL PRIVILEGIO E SULL’INGIUSTIZIA”
(Enrico Berlinguer)

Concentramento venerdì 11 ottobre alle ore 9:30 in Piazza Cairoli

ostenda-6_600

RIVOLTIAMONZA.WORDPRESS.COM

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

12 OTTOBRE: MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA


12ottobre

 

Stiamo organizzando un pullman per partecipare alla manifestazione. 

Si parte alle 05.00 da Monza (Presso il Binario 7) 
Si riparte alle 19 da Roma e si torna alle 2.30 di Domenica 13 Ottobre. 
Costi: 20 Euro per giovani, precari, disoccupati
30 Euro per lavoratori dipendenti, pensionati.

Per adesioni, informazioni, per contributi dei soggetti politici, sociali, sindacali che intendono contribuire alle spese organizzative: 

rivoltiamonza@gmail.com

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: