Archivi tag: alternativa

Saluto dei Giovani Comunisti Monza Brianza al Congresso dell’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba Circolo Brianza “FABIO DI CELMO”


1ro-mayo-2013-habana-cuba-trabajadores-

Buonasera compagne e compagni, vi porto il saluto del Partito della Rifondazione Comunista di Monza e Brianza e dei Giovani Comunisti. Da qualche anno l’imperialismo statunitense ha rotto gli indugi ed è andato all’attacco di tutti i paesi in posizione strategica dal punto di vista economico-politico che ancora non sono sotto la sua influenza. Questo attacco ha portato a colpi di stato e tentativi di sovvertire governi stranieri, anche se eletti democraticamente. Gli esempi sono molti a partire dalle primavere arabe e subito dopo la Siria, l’Ucraina e il Venezuela socialista, già da tempo nel mirino degli USA. In questo contesto l’informazione borghese copre le responsabilità statunitensi e ci descrive rivolte e colpi di stato, spesso nazi-fascisti o di fondamentalismo islamico, come sollevazioni per la libertà e la democrazia. Le violenze vengono coperte e le uccisioni o l’uso di armi proibite viene sempre attribuito al regime considerato scomodo. Basti ricordare le armi chimiche di Assad, la copertura dei nazisti di Svoboda o la vergognosa manipolazione di immagini in Venezuela. L’ipocrisia dei benpensanti condanna la violenza solo in un senso e l’opinione pubblica non vede, o non vuol vedere, le responsabilità delle guerre civili e diventa complice, consapevole o meno, del progetto degli Stati Uniti contro paesi socialisti e altri che ancora non si piegano al loro giogo. Cuba rientra in questo contesto come il più antico e longevo baluardo di resistenza agli USA. Sotto attacco politico ed economico da oltre 50 anni, ha rappresentato e tuttora rappresenta il punto di rifermento delle rivoluzioni di ispirazione socialista e bolivariana del Sud America, come dimostra anche il recentissimo vertice della CELAC svoltosi proprio a l’Havana. In Italia 50 anni di disinformazione e di bloqueo hanno portato a un’immagine distorta e ideologizzata della situazione dell’isola, attaccata da quasi ogni organo di informazione nazionale con l’aiuto di dissidenti cubani al soldo del padrone nordamericano. Il nostro compito come comunisti è di riportare la verità riguardo a Cuba e difendere l’idea di un sistema economico e sociale diverso, anche rivendicando i risultati raggiunti dall’isola in tutti i settori, del sociale, medico, scolastico ecc. per migliorare la qualità della vita delle persone; il tutto nonostante l’embargo statunitense. Alla fine dello scorso anno, grazie all’attività della vostra associazione, tutte le organizzazioni comuniste del territorio sono riuscite ad attivarsi per organizzare un evento in difesa della rivoluzione cubana dai vili attacchi della controrivoluzionaria Yoani Sanchez, ospitata poco tempo prima in un teatro della nostra città. Noi Giovani Comunisti pensiamo che questo sia stato un evento importante per contrastare la disinformazione italiana che distorce l’immagine di Cuba. Inoltre speriamo che sia solo l’inizio di una fruttuosa collaborazione, con l’Associazione di amicizia Italia-Cuba e con i compagni degli altri partiti e associazioni, che oltre alla questione cubana possa allargarsi anche ad altri temi politici che tutti condividiamo e che possa aiutarci a mettere insieme le forze e unire le lotte, almeno a livello locale. Nella speranza di una continua collaborazione futura, vi porgiamo i migliori auguri per lo svolgimento del vostro congresso.

Hasta la victoria siempre.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

12 maggio – Manifestazione nazionale contro il governo Monti


La questura dice più di 25.000 e non servono  a questo punto i numeri ufficiali degli organizzatori per capire che eravamo tantissimi.  La Federazione della Sinistra è scesa in piazza ieri a Roma per manifestare contro il governo Monti e contro le politiche imposte dalla BCE e dalla finanza internazionale che stanno strozzando tutti i popoli europei e stanno sottraendo loro la sovranità nazionale e il potere decisionale sulle proprie sorti, sul proprio futuro. Il parlamento eletto dal popolo con una maggioranza di destra e un opposizione di centrosinistra, sta sostenendo unanimemente un governo di destra, imposto da banchieri e mercati. Ecco allora perché ieri eravamo in piazza: c’è bisogno di opposizione! c’è bisogno di sinistra!

Ieri  [12-05-2012] la sinistra c’era. Non era solo il progetto politico di una sinistra antiliberista alternativa a tutti i partiti che oggi sono complici delle politiche di austerità e della distruzione dello stato sociale. Erano in primo luogo i tanti lavoratori in lotta e i loro rossi striscioni delle RSU, erano quelli del sindacato inquilini, delle altre realtà sindacali e di base che hanno aderito al corteo. Erano i giovani, numerosissimi, che hanno dimostrato con la loro maggioritaria presenza che la Federazione della Sinistra ha un futuro  promettente. Tra loro, al completo, anche i compagni di RivoltiaMonza.

Adesioni importanti anche in vista delle prossime elezioni politiche. C’erano esponenti nazionali di SEL, che hanno portato la loro personale adesione, e dell’IdV che invece erano in rappresentanza ufficiale del loro partito. La situazione ideale per lanciare la proposta di Ferrero: un polo della sinistra indipendente dal PD che possa seguire le orme della sinistra radicale europea.

Syriza, Partito Comunista Portoghese, Front de Gauche, Die Linke, Izquierda Unida erano in piazza con noi. Il saluto di tutte le delegazioni d’Europa è stato un mandato di fiducia: c’è bisogno del lavoro della FdS per completare il quadro europeo di una sinistra antiliberista coordinata. Perché solo un’opposizione internazionale può contrastare le politiche europee e riuscire a cestinare per sempre il Fiscal Compact, sottraendo alle banche le ricchezze regalategli dalle politiche degli attuali governi, al fine di restituirle ai popoli e ridistribuirle con equità, garantendo a tutti il reddito e i diritti fondamentali a casa, salute e lavoro. Questa è la sola via per uscire dalla crisi, quella vera che colpisce le famiglie e i lavoratori. E per evitare ostracismi e ritorsioni, questa via non può essere intrapresa da uno o due paesi. Servono partiti e coalizioni della sinistra forti in tutta Europa. Come in Francia, con Melanchone e il Front de la Gauche in grado con la loro “minacciosa” forza di condizionare a sinistra le linee dei partiti socialdemocratici, conquistando con la loro indipendenza un risultato dignitosissimo del 10%. O come in Grecia dove Syriza arriva a essere il secondo partito del paese e insieme al KKE e agli altri partiti di sinistra rappresenterebbe già la maggioranza relativa.

In Europa credono in noi. Noi crediamo che per fare uno scatto di qualità dal serve l’impegno comune e l’unità di tutta la sinistra. Ci auguriamo davvero che la rabbia e la dignità che ieri sono fluite per le vie di un’assolatissima Roma, insieme ai deludenti risultati delle elezioni amministrative (positivi per la sconfitta di tutte le destre e il tracollo dei partiti maggioritari tradizionali, ma non per le sinistre con SEL e FdS ancora ferme ciascuna al 3%), siano messaggi recepiti da chi ancora non si decide ad abbandonare le posizioni di subalternità al Partito Democratico e a intraprendere la strada di un’alternativa forte ai governi dell’austerità.

MONTI VADA A CASA! I POPOLI SI RISOLLEVINO!
ΛΑΟΙ ΤΗΣ ΕΥΡΩΠΗΣ, ΞΕΣΗΚΩΘΕΙΤΕ!

RivoltiaMonza – Giovani della Federazione della Sinistra MB

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: