Archivi tag: antinazismo

25 aprile 1945 – 25 aprile 2016


13045486_10208481355368127_1521494284_n

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

25 aprile 1945-2015: ora e sempre Resistenza!


Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

25 aprile 2015


Muggiò Città@perta

Come si comportano nel mondo i nostri antifascisti (o presunti tali) e tutti gli altri che mai lo sono stati.

Il caso ucraino.

Rinchiusi, circondati, braccati. Stanati come si fa con le api, allontanandole col fumo e col fuoco dal proprio alveare. Peccato che l’alveare è un palazzo di 5 piani con le uscite sbarrate da un’orda di neofascisti e neonazisti ucraini, armati con spranghe e pistole.

incendio sindacato odessaCon l’incendio della Casa dei Sindacati ad Odessa la nuova Ucraina si macchia di un crimine efferato, non solo per la strage umana commessa – decine di morti, di tutte le età, donne e uomini, ardono vive – ma anche per la scelta del luogo da assaltare. Un luogo democratico, vivo, sede dei lavoratori, un luogo identico a quelle Case del Popolo bruciate dalle squadracce fasciste italiane nei decenni bui della storia italiana.

Il governo ucraino, nato dal golpe filoamericano ed europeista, formatosi…

View original post 530 altre parole

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Giovani Comunisti a sostegno della carovana antifascista nel Donbass organizzata dalla Banda Bassotti


10615956_1511761832394581_4685787023227076929_nSiamo Giovani Comunisti di diverse federazioni e circoli che hanno deciso di accogliere l’appello lanciato dal gruppo musicale Banda Bassotti per la carovana antifascista nel Donbass.

Riteniamo prezioso l’impegno profuso dalla Banda Bassotti per far conoscere, attraverso concerti e social network, quanto sta accadendo in Ucraina all’indomani del golpe che ha portato al potere un governo apertamente filo-nazista, col beneplacito di Unione Europea e USA. Un lavoro d’informazione importante, che deve essere d’esempio e guida per quelle parti della sinistra che sempre più si lasciano condizionare acriticamente o intimorire dal pensiero dominante.

L’idea della carovana antifascista nel Donbass non può non ricordarci le migliori tradizioni del movimento comunista, quelle della solidarietà internazionale. Un atto di coraggio e di denuncia contro l’imperialismo atlantico.

Per queste ragioni abbiamo deciso di sostenere economicamente questa iniziativa, attraverso una raccolta fondi sui territori in cui militano i nostri compagni.

 

Vogliamo chiudere questo nostro comunicato ricordando un giovane compagno tragicamente scomparso in quella maledetta e infame strage fascista avvenuta ad Odessa il 2 Maggio: Vadim Papura. Giovane e comunista come noi, e come noi figlio della stessa rabbia.

 

Promuovono: Giovani Comunisti delle federazioni di Milano, Bologna, Monza e Brianza, Lecco, Parma, Torino.

Adesioni: Giovani Comunisti Grosseto, Pordenone

10390933_1511761889061242_8612586957936971891_n

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

COSTITUITO IL COMITATO “MILANO 29 APRILE: NAZISTI NO GRAZIE!”


Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa circa la nascita del Comitato “Milano 29 Aprile: nazisti no grazie!”.

MEMORIA ANTIFASCISTA

Milano, 29 gennaio 2014

COSTITUITO IL COMITATO
“MILANO 29 APRILE: NAZISTI NO GRAZIE!”

DEPOSITATA IN QUESTURA LA RICHIESTA
PER UNA MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA
IL 29 APRILE 2014 IN PIAZZALE SUSA

I rappresentanti di Memoria Antifascista e alcuni esponenti della sinistra milanese (tra gli altri la consigliera comunale Anita Sonego e il consigliere provinciale Massimo Gatti), che unitamente hanno dato vita al comitato “Milano 29 aprile: nazisti no grazie!”, hanno depositato in Questura, giovedì scorso 23 gennaio, la richiesta per una manifestazione antifascista da tenersi il prossimo 29 aprile in Piazzale Susa dalle 16 alle 24.

Come esplicitamente sottolineato nel documento costitutivo dello stesso comitato (che alleghiamo), con questo primo passo si intende impedire l’ennesimo sfregio alla città di Milano, Medaglia d’oro della Resistenza, rappresentato dalla lugubre parata nazista, con saluti romani e croci celtiche (un simbolo ormai riconosciuto per la sua aperta valenza istigatrice dell’odio razziale), preannunciata nelle vie di Città Studi proprio per il prossimo 29 aprile prendendo a pretesto l’anniversario della morte di Sergio Ramelli ed Enrico Pedenovi, a cui nel corso degli anni i promotori hanno anche voluto aggiungere la figura di Carlo Borsani, gerarca fascista e firmatario del Manifesto sulla razza, fucilato dai partigiani in Piazzale Susa il 29 aprile del 1945. Un appuntamento che nulla ha ormai a che fare con le legittime manifestazioni all’insegna del ricordo ma rappresenta ormai un esplicito atto di apologia del fascismo.

Per tempo si è dunque richiesto lo svolgimento di una manifestazione antifascista nella stessa piazza, richiesta volutamente avanzata a soli pochi giorni dal 27 gennaio, giorno in cui si ricordano le vittime naziste dell’Olocausto. La Questura di Milano ha dovuto prendere atto, non essendo stata in precedenza richiesta la stessa piazza per gli stessi orari e la stessa data. Gli aderenti al comitato “Milano 29 aprile: nazisti no grazie!” si tuteleranno anche legalmente circa questo loro diritto a manifestare il prossimo 29 aprile e si rivolgeranno pubblicamente al Sindaco di Milano affinché prenda posizione coerentemente con quanto più volte dichiarato.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: