Archivi tag: debito

La vita prima del debito [Monza 12/05]


Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

In merito alla manifestazione NO Expo del Primo Maggio


11150360_331797337011150_6156817006315935358_n
Hanno spaccato tutto e hanno creato un enorme danno economico; ma non parliamo dei black bloc contro cui oggi tutta l’opinione pubblica “sinceramente democratica” si sta scagliando, ma parliamo di chi Expo l’ha voluto e di chi con Expo ha concluso contratti milionari.

Perché la manifestazione di ieri, che ha visto partecipare più di ventimila persone, ha fatto da contraltare all’inaugurazione di Expo 2015 che ha aperto i suoi cancelli proprio nel giorno della Festa dei Lavoratori.

Chi, come noi, ieri era in piazza a manifestare il proprio dissenso verso Expo sa bene cosa sia in realtà questa esposizione universale: un’enorme possibilità di profitti per pochi con un costo che ricadrà per anni su tutta la collettività, sia in termini economici che in termini ambientali. Non a caso i volantini No Expo, parafrasando il tema ufficiale dell’esposizione universale, recitavano: “Nutrire i padroni, energie per lo sfruttamento. Expo 2015: debito, cemento, precarietà”.

Tutta la vicenda Expo è un’enorme truffa ai danni della collettività.

A chi ci dice che Expo rappresenta il progresso e chi è contro Expo è contro il progresso, noi rispondiamo che edificare 110 ettari di terreni coltivati per costruire dei padiglioni che verranno abbattuti tra 6 mesi per poi edificarci sopra palazzi e uffici non ha davvero niente a che vedere con il progresso. Il progresso è tale solo se serve a migliorare la vita delle persone, e allora, forse, è meglio il progresso che mette in sicurezza gli argini dei fiumi o che ripara i tetti delle scuole, è meglio il progresso che rende agibili le case sfitte e riammoderna gli ospedali, è meglio il progresso che garantisce trasporti pubblici locali. Insomma, è meglio il progresso che non piace ai mafiosi; già, perché con il progresso delle piccole opere non si fanno gli affari miliardari che invece garantiscono le grandi opere.

A chi ci dice che le grandi opere sono una necessità vitale per il paese, noi non rispondiamo nemmeno, perché a farlo ci pensano i dati numerici. Basta vedere la BreBeMi dove le entrate dei caselli non riescono neanche a coprire i costi di esercizio e così, come per magia, un’opera che ci era stato detto essere stata costruita senza soldi pubblici, adesso viene tenuta in vita dai soldi pubblici. Oppure la Pedemontana dove anche qui, sebbene sia gratuita, la prima tratta in esercizio registra un passaggio di veicoli nettamente inferiore alle aspettative, figuriamoci quando sarà a pagamento.

A chi ci dice che lavorare gratis per expo fa curriculum, noi rispondiamo che le parole “lavoro” e “gratis” nella stessa frase vogliono dire “schiavitù”. E rispediamo al mittente questa grande opportunità. Se proprio è un così grande affare che vadano loro a lavorare gratis per Expo. Già centinaia di persone hanno lavorato quasi gratis nei cantieri di Expo e nelle opere collegate. Klodian Elezi nel cantiere TEEM è morto perché le norme sulla sicurezza, così come i certificati antimafia, sono un freno al glorioso sviluppo del paese.

A chi ci dice che spaccare le vetrine e bruciare le macchine è da idioti, noi rispondiamo che sarà anche da idioti, ma i più idioti sono coloro che spendono parole di biasimo per una vetrina rotta ma sono stati zitti quando è stata decisa la truffa dell’Expo. Quelli che vedono black block dappertutto e ignorano 20.000 manifestanti pacifici. Quelli che, come degli insetti, si sono lasciati attrarre dai rendering del padiglione Italia e dalla possibilità di andare da Varese a Bergamo in 60 minuti anziché in 90 e mentre avevano la luce dell’albero della vita negli occhi hanno lasciato che mafiosi e palazzinari, in combutta con l’apparato politico, si spartissero la torta milionaria dell’Expo. Quelli che si ritengono baluardi del libero pensiero ma poi il loro pensiero è quello di Repubblica.it. Quelli che preferiscono rimanere sempre dalla parte della maggioranza, perché così, anche se sbagliano, sono sempre dalla parte della ragione.

A tutti loro noi rispondiamo che la lotta contro Expo è la lotta contro il capitalismo che affama, stupra e rende invivibile questo mondo. In occidente lo fa con la forza della legge e nel terzo mondo con la legge della forza.

Noi pensiamo che un altro mondo sia possibile, ma per cambiare questo mondo è necessaria la partecipazione attiva di tutti/e altrimenti resteremo per sempre spettatori di un copione scritto da quell’1% della popolazione che detiene tutto il potere e che vede nel resto del mondo solo delle masse da sfruttare.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

ELEZIONI EUROPEE 2014 – Brianza per Tsipras


Pubblichiamo l’appello per l’adesione al comitato brianzolo a sostegno della lista L’Altra Europa con Tsipras

312448-alexis-tsipras
Siamo attivisti, elettori e militanti brianzoli di sinistra. Abbiamo raccolto lʼappello lanciato per la creazione, in occasione delle imminenti elezioni europee, di una lista unitaria di sinistra che appoggi Alexis Tsipras, presidente del partito greco SY.RIZ.A. e candidato della Sinistra Europea alla presidenza della Commissione.

La democrazia è messa allʼangolo
 in Europa, dove l’economia è governata dalla Banca Centrale e non dagli organi elettivi.
Vogliamo ridisegnare un’Altra Europa, che si basi su unʼunione politica e rappresentativa reale, e gettare le basi in Italia per un’alternativa politica di sinistra competente, onesta, concreta.

Il neoliberismo ha fallito.
 Le politiche di austerity stanno minando le conquiste di decenni di lotte sociali. Abbiamo sotto gli occhi la situazione greca, dove lo stesso FMI ha ammesso che la Troika ha strangolato l’economia e messo in ginocchio un paese.
Dobbiamo invertire la rotta dell’Unione Europa, ridiscutere Fiscal Compact e debito pubblico, riprenderci la sovranità monetaria in Europa, riportare l’uguaglianza al centro del dibattito politico e ripensare lo sviluppo attraverso un Green new deal europeo.

Siamo stretti in una morsa.
 Da un lato il neoliberismo che porta la crisi del welfare e dell’Europa sociale, dall’altro il populismo anti euro che sfocia nel nazionalismo e nel neofascismo. I partiti socialdemocratici non hanno saputo proporre unʼalternativa.
Serve una terza via che riparta dall’Europa di Altiero Spinelli, dalla Grecia di Syriza, dai social forum europei e mondiali.

La sinistra italiana
 degli ultimi anni si è sempre divisa per personalismo e tatticismo.
Vogliamo ricostruire un percorso unitario e coerente. Aperto al dialogo, partecipato e democratico, con ambizioni di governo e proposte coraggiose.

La Brianza è una terra ricca di esperienze associative, ambientaliste, culturali e solidali che non possono restare isolate. La nostra provincia ha bisogno di una politica di sinistra e di ambientalismo: pensiamo al mondo del lavoro, devastato dalla crisi delle aziende, e alla nostra terra devastata da cementificazione e inquinamento.

Ci rivolgiamo a chi è scoraggiato, chiedendo di crederci ancora una volta e a chi è impegnato nella cultura, nel mondo del lavoro o nell’ambientalismo, chiedendo di portare il suo contributo per rinnovare una politica stanca e autoreferenziale.
Ci rivolgiamo a chi ancora sta lottando in un partito o nei movimenti, chiedendo di farlo insieme, in un percorso condiviso. Il successo di questo progetto dipende da tutti noi e dalla nostra capacità di mobilitarci nei vari territori, a partire dalla Brianza.

Per adesioni inviare una mail (indicando nome e cognome) a rossana_curra@yahoo.it

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Una nota sul mio ex-professore: Pier Carlo Padoan


padoan
Pier Carlo Padoan fu uno dei miei professori durante i corsi del master in Economia del Coripe Piemonte, presso il Collegio Carlo Alberto. Sebbene fosse un master rigorosamente “mainstream”, ricordo che le lezioni di alcuni docenti, come Luigi Montrucchio e Giancarlo Gandolfo, suscitavano il nostro vivo interesse e alimentavano le discussioni. Tra i docenti c’era pure Elsa Fornero,  che nel ruolo di professoressa rendeva indubbiamente molto meglio che in quello successivo di ministra. Rammento che invece non eravamo particolarmente entusiasti delle lezioni di Padoan. Forse a causa degli alti incarichi che all’epoca già ricopriva, in aula appariva un po’ distratto, vagamente annoiato, non particolarmente persuaso dai grafici che egli stesso tracciava sulla lavagna. Di una cosa tuttavia il nostro pareva convinto: la sostenibilità futura della nascente moneta unica europea era da ritenersi un fatto ovvio, fuori discussione.

Era il 1999, data di nascita dell’euro, e Padoan guarda caso teneva il corso di Economia dell’Unione europea. Una volta gli chiesi cosa pensasse delle tesi di quegli economisti, tra cui Augusto Graziani, che esprimevano dubbi sulla tenuta dell’eurozona; domandai, in particolare, quale fosse la sua valutazione di quegli studi che già all’epoca criticavano l’idea che gli squilibri tra i paesi membri dell’Unione potessero essere risolti a colpi di austerità fiscale e ribassi salariali. A quella domanda Padoan non rispose: si limitò a scrollare le spalle e a sorridere, con un po’ di sufficienza.

All’epoca in effetti l’atteggiamento di Padoan era piuttosto diffuso. L’euro veniva considerato un fatto definitivo, discutere di una sua possibile implosione era pura eresia. Ben pochi, inoltre, si azzardavano a dubitare delle virtù taumaturgiche dell’austerità. Da allora evidentemente molte cose sono cambiate. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

#7 LUGLIO – LA RISPOSTA DI MONZA


7 luglio 2013. Monza risponde degnamente all’oscenità dei manifesti comunali inneggianti all’arrivo di Napolitano. Centinaia di poliziotti, le vie della città impercorribili, la Villa Reale e i giardini chiusi per tre giorni: questi i preparativi per l’arrivo dei massimi esponenti del potere politico, col Presidente della Repubblica, anche Letta e Maroni. La loro iniziativa per l’inaugurazione della sede legale di Expo in Villa Reale sarà privata, lontana dagli occhi e dai bisogni di noi cittadini. A tutto questo Monza ha risposto.
Eravamo in piazza per dire che gli organizzatori e gli ospiti di quest’iniziativa sono i responsabili dell’orrenda politica che in questi ultimi tempi ha governato l’Italia: coloro che per ridurre il debito e ripagare le banche hanno strozzato l’economia reale di questo paese; coloro che hanno fatto passare come fatale e ineluttabile la distruzione dei diritti del lavoro conquistate in 50 anni di lotta sindacali, cosa che è in realtà nel solo interesse dei grandi gruppi industriali, di chi sul nostro lavoro fa profitti continuando ad arricchirsi nonostante la crisi; coloro che hanno annullato la dialettica politica, consegnandoci governi unitari, privi di opposizione, incontrollati, spregiudicati.
Ecco perché almeno mezzo migliaio di persone ha sentito la necessità di scendere nelle vie della città, per testimoniare che qui la gente non è passiva, ma osserva, valuta, ragiona e denuncia una politica lontana anni luce, tanto dagli interessi del popolo, quanto dal lume della ragione.
E’ infatti irragionevole ritenere che Expo porti sviluppo e occupazione. Quale sviluppo, se dall’evento le nostre istituzioni locali ne escono maggiormente indebitate, in una fase in cui i soldi mancano anche per i servizi fondamentali? Quale economia gira? Non certo ne beneficia il sistema produttivo. Semmai girano i soldi (spesso sporchi) dell’industria del cemento, con grande e nefasto impatto ambientale e urbanistico. Quale occupazione si crea? Lavori occasionali, da sei mesi i contratto, buoni solo per riproporre il paradigma del lavoratore sottopagato e senza tutele come soluzione per risollevare l’economia. Se un’economia si riprende in questo modo di sicuro ne saremo tagliati fuori noi giovani: sei mesi di salario non ci danno né potere d’acquisto, né la prospettiva di costruirci una vita, un futuro.
Il 7 a Monza eravamo forse un’avanguardia. Noi continueremo a lavorare per fomentare e organizzare il dissenso. Perché la nostra organizzazione, dei giovani e dei lavoratori, ci renda sempre meno passivi, sempre più protagonisti, sempre più d’ostacolo alla realizzazione di un mondo in cui le esigenze delle persone sono ai margini della politica, che si occupa frattanto solo di banche, affari privati ed esposizioni.

GIOVANI COMUNISTI MONZA E BRIANZA

ostenda-6_600Giovani Comunisti

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: