Archivi tag: diritti

Le nostre vite valgono più dei vostri profitti


GCPiacenza1709

Lo spezzone GC alla manifestazione di Piacenza.

Negli ultimi tre giorni pesano sui nostri cuori tre morti bianche e l’omicidio padronale di Adb El Salam Ahmed El Danf.
Le cronache ci hanno ormai abituato agli incidenti letali sui luoghi di lavoro e non siamo più disposti a tollerare risparmio e negligenza in tema di sicurezza. Ma la morte di Abd El Salam non è un incidente come gli altri, non è incuria, né fatalità. Non è solo mancanza di rispetto per il valore delle vite dei lavoratori. Abd El Salam è morto mentre lottava per i propri diritti, perché i padroni non potevano perdere nemmeno un euro del loro profitto.
Il Partito della Rifondazione Comunista e i Giovani Comunisti di Monza e Brianza hanno aderito alla manifestazione del 17.09.2016 a fianco dei lavoratori della logistica. La loro rabbia è risuonata per le strade di Piacenza, nel clima di silenzio che i media vogliono imporre sulla questione. Ma sappiamo che questo silenzio è soltanto paura che la rabbia si organizzi.
Questo capitalismo omicida va fermato. Il paese si deve bloccare. Sciopero generale subito!

Partito della Rifondazione Comunista di Monza e Brianza
Giovani Comunisti di Monza e Brianza

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Fermiamoli! Stop TTIP, Giovani Comunisti il 7 Maggio a Roma


STOP-TTIPApprofondisci QUI http://www.giovanicomunisti.it/archives/8080

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Ce vo’ coraggio


10751549_10204756127964391_1281107594_n
Io vi avviso, tutti quanti. D’ora in poi sarà molto più difficile. Ci vorrà pelo sullo stomaco, ci vorrà ambizione, ci vorrà un pizzico di follia. Ci vorrà coraggio. È anche vero che in fondo queste sono le doti esaltate da modelli di imprenditoria aggressiva e di successo (alla Steve Jobs, per intenderci) che sono stati imposti come punti di riferimento per la realizzazione di ogni essere umano, quindi non sarà un problema. Ma sarà dura. Sarà dura affermare che il conflitto capitale-lavoro è roba vecchia, che le classi non esistono più, che chi non si rassegna alla concordia ordinum è anziano e immaturo, che il lavoro salariato è morto nel 1989. Dopo ieri, è molto più difficile. Come chiamate, voi, ideologi delle ideologie morte, quello che è avvenuto ieri a Roma? Incidente, fatalità, misunderstanding? Nella mia modesta opinione, io lo chiamo in un solo modo: lotta di classe.
Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il sindacato deve cambiare. Solidarietà a Giorgio Cremaschi


manifestazione-cgil
Infuria il dibattito congressuale della CGIL, dentro e fuori le stanze dell’organizzazione.
Sotto la guida Camusso si prepara un terreno difficile da percorrere e si prepara un clima pesante e autoritario proprio nella fase di confronto.
La cacciata di Giorgio Cremaschi, promotore del documento alternativo “Il Sindacato è un’altra cosa”, dall’assemblea di Milano del 14 febbraio è lo specchio della crisi del Sindacato.
Le prese di posizione non concordate della Camusso e della Segreteria – a partire dalla recente firma sulle definizioni delle rappresentanze sindacali ma toccando anche la riforma dell’Art. 18 – sono sintomo di un Sindacato debole, non più rappresentativo (su 22 milioni di lavoratori italiani la CGIL conta 6 milioni di iscritti di cui però più della metà è composta da pensionati) e legato a doppio filo coi governi (ormai ereditari) delle larghe intese – responsabili del disastro sociale e politico – a marchio PD.

I Giovani Comunisti di Monza e Brianza esprimono la più sincera solidarietà a Cremaschi e ai compagni con lui presenti per i fatti di Milano dei giorni scorsi.
Solidarietà che si tramuta in sostegno per la loro lotta affinché il Sindacato torni ad essere quella grande e nobile macchina di difesa dei lavoratori: un Sindacato diverso da quello di servizi che si prefigura oggi e che può essere cambiato con questo Congresso sostenendo il documento alternativo.
Siamo altresì consci della difficile battaglia di quei compagni – in primis della FIOM – che, internamente (ma non si sa ancora per quanto), tentano di “sopravvivere” rivendicando il loro ruolo conflittuale.

Non è più tempo di rimandare la questione sociale: il Sindacato torni ad essere promotore di una visione del mondo del lavoro fatto di diritti e non di tagli ai “costi”; il Sindacato torni ad essere artefice di conflitto per rinegoziare le tutele ormai perse nel vortice del libero mercato.
A chiederlo non è un capannello di intellettuali, ma un’intera generazione di precari disillusi, che sogna ancora di poter lottare e che non trova interlocutori nello sfibrato tessuto della rappresentanza sindacale e sociale.

Giovani Comunisti Monza e Brianza

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Solidarietà ai braccianti di Castelnuovo Scrivia e ai compagni di Tortona e Pavia!


In un momento in cui il potere politico è commissariato da quei poteri finanziari che stanno lucrando sulla regressione economica e sociale del nostro paese, la repressione investe impietosamente chi, remando controcorrente, sta ancora cercando di rivendicare i suoi diritti, di conquistarsi un briciolo di dignità umana nella propria vita lavorativa, di dare ancora speranza ai lavoratori e alle classi deboli del nostro paese.

Accade così che le proteste portate avanti dai braccianti di Castelnuovo Scrivia per denunciare la propria condizione di schiavitù, siano costate a loro e ad alcuni solidali, tra cui i compagni del PRC di Tortona e un compagno dei Giovani Comunisti di Pavia, una denuncia per concorso in violenza privata. Non è stato risparmiato nessuno dei compagni e dei lavoratori che hanno animato il Presidio di Castelnuovo Scrivia e i blocchi stradali di agosto, operati con l’intento di impedire o ritardare i rifornimenti dei camion della grande distribuzione in carico verso l’Azienda Lazzaro, indagata per riduzione in schiavitù, frode fiscale, violazione delle leggi sull’immigrazione e altro, e ciò nonostante ancora operativa.

Quelli che devono essere letti come legittimi atti di riscatto della propria condizione sociale e di rivendicazione di un banale principio di giustizia, sono perseguiti dalla magistratura. Come già è stato sperimentato dagli operai del Gigante di Basiano, dagli operai della Jabil di Cascina de’ Pecchi, dalla popolazione Valsusina quando i lavoratori e i cittadini chiedono diritti, giustizia e autodeterminazione, lo stato italiano risponde utilizzando le sue strutture, quali polizia e magistratura, per tutelare gli interessi privati contro i diritti dei lavoratori e della popolazione. Questa è l’Italia che l’ideologia del capitale, i poteri finanziari e le istituzioni borghesi italiane ed europee, che ci stanno sovradeterminando, hanno ormai plasmato.

Organizziamoci e lottiamo per frenare questo furto di democrazia e di giustizia e per non vanificare i sacrifici di chi nonostante la precarietà delle proprie condizioni di vita, la propria ricattabilità sul luogo di lavoro, i rischi connessi all’atteggiamento repressivo dello Stato e – talora – i rischi legati alla possibilità di restare nel nostro paese, continuano a lottare.
Ai braccianti e a tutti i denunciati di Castelnuovo Scrivia va la nostra solidarietà!

RIVOLTIAMONZA – Giovani della Federazione della Sinistra MB                                                

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

LICENZIATI FERITI ARRESTATI: LA LOTTA NON SI ARRESTA!



Rivoltiamonza invita ad aderire all’appello del Coordinamento di sostegno alle lotte dei lavoratori delle cooperative e  del sindacato SiCobas, per portare solidarietà e infondere coraggio ai lavoratori del Gigante di Basiano. Essi hanno vissuto sulla propria pelle la deriva dello stato di diritto in Italia: non si ha più diritto di scioperare, non si ha più diritto di protestare, non si ha più diritto di denunciare le indignitose condizioni in cui i lavoratori delle cooperative sono costretti a lavorare. La Polizia tutela il Privato dai danni di uno sciopero e picchia e arresta gli operai che lottano contro la propria precarietà, per permettere l’ingresso di un pullman di crumiri. Quello ch’è successo al presidio non è immaginabile, per chi ritiene di vivere in uno stato democratico: gli operai violentemente caricati in maniera improvvisa e totalmente ingiustificata mentre picchettavano il cancello, gli accanimenti contro persone già stese a terra sanguinanti, le identificazioni avvenute in ambiente ospedaliero dopo aver contrassegnato i feriti con dei codici come fossero bestie,  il silenzio indecente delle grandi organizzazioni sindacali, della politica e degli intellettuali, gli arresti e l’incarcerazione preventiva dei lavoratori. Chi non denuncia la gravità dei fatti è complice dell’atteggiamento repressivo che lo Stato borghese sta assumendo nel gestire una situazione sociale che per deterioramento non potrà che sfuggirgli di mano. In questa situazione, il coraggio dei pochi lavoratori che nonostante la precarietà delle loro condizioni di vita, la loro ricattabilità sul luogo di lavoro, i rischi connessi all’atteggiamento repressivo dello Stato e per alcuni i rischi legati alla permanenza nel nostro paese, continuano a lottare, merita la massima solidarietà.
Organizziamoci e lottiamo insieme!

Rivoltiamonza – Giovani della Federazione della Sinistra MB

Di seguito il comunicato del coordinamento:

Calendario delle udienze per il riesame delle misure cautelari per i 19 arrestati di Basiano

– Martedì 24 luglio alle 10,20            appuntamento  ore 10,00
– Mercoledì 25 luglio alle 9,50                      ”               ore 9,30
– Giovedì 26 luglio alle 9,50                           ”               ore 9,30
Le udienze si terranno nella sala sita nel “Cortile della statua” (ingresso di via Freguglia)

L’assemblea di sabato 20 – tenutasi presso la sede del  SiCobas –  con i lavoratori delle cooperative in appalto al Gigante di Basiano e le strutture solidali, ha confermato l’intenzione di dare il massimo supporto agli arrestati, organizzando una presenza in tribunale a partire dall’udienza di martedì 25 luglio.
Il Tribunale del riesame discuterà se restituire la piena libertà, per quanto temporanea, a chi ha avuto il merito di svelare con il proprio sciopero la truffa dei cambio d’appalto,  mirato ad abbassare i livelli salariali.
E’ una lotta che investe tutti e tutte noi contro la volotnà del capitale di ridurci a merce.
Per lunità dei lavoratori e la solidarietà di classe facciamo sentire la nostra solidarietà ai lavoratori arrestati con una presenza costante ai processi.
LICENZIATI FERITI ARRESTATI – LA LOTTA NON SI ARRESTA !
Coordinamento di sostegno alle lotte dei lavoratori delle cooperative

Manifestazione in solidarietà degli operai di Basiano a Milano

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: