Archivi tag: lavoratori

Le nostre vite valgono più dei vostri profitti


GCPiacenza1709

Lo spezzone GC alla manifestazione di Piacenza.

Negli ultimi tre giorni pesano sui nostri cuori tre morti bianche e l’omicidio padronale di Adb El Salam Ahmed El Danf.
Le cronache ci hanno ormai abituato agli incidenti letali sui luoghi di lavoro e non siamo più disposti a tollerare risparmio e negligenza in tema di sicurezza. Ma la morte di Abd El Salam non è un incidente come gli altri, non è incuria, né fatalità. Non è solo mancanza di rispetto per il valore delle vite dei lavoratori. Abd El Salam è morto mentre lottava per i propri diritti, perché i padroni non potevano perdere nemmeno un euro del loro profitto.
Il Partito della Rifondazione Comunista e i Giovani Comunisti di Monza e Brianza hanno aderito alla manifestazione del 17.09.2016 a fianco dei lavoratori della logistica. La loro rabbia è risuonata per le strade di Piacenza, nel clima di silenzio che i media vogliono imporre sulla questione. Ma sappiamo che questo silenzio è soltanto paura che la rabbia si organizzi.
Questo capitalismo omicida va fermato. Il paese si deve bloccare. Sciopero generale subito!

Partito della Rifondazione Comunista di Monza e Brianza
Giovani Comunisti di Monza e Brianza

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana … PENSIONI


Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ce vo’ coraggio


10751549_10204756127964391_1281107594_n
Io vi avviso, tutti quanti. D’ora in poi sarà molto più difficile. Ci vorrà pelo sullo stomaco, ci vorrà ambizione, ci vorrà un pizzico di follia. Ci vorrà coraggio. È anche vero che in fondo queste sono le doti esaltate da modelli di imprenditoria aggressiva e di successo (alla Steve Jobs, per intenderci) che sono stati imposti come punti di riferimento per la realizzazione di ogni essere umano, quindi non sarà un problema. Ma sarà dura. Sarà dura affermare che il conflitto capitale-lavoro è roba vecchia, che le classi non esistono più, che chi non si rassegna alla concordia ordinum è anziano e immaturo, che il lavoro salariato è morto nel 1989. Dopo ieri, è molto più difficile. Come chiamate, voi, ideologi delle ideologie morte, quello che è avvenuto ieri a Roma? Incidente, fatalità, misunderstanding? Nella mia modesta opinione, io lo chiamo in un solo modo: lotta di classe.
Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il sindacato deve cambiare. Solidarietà a Giorgio Cremaschi


manifestazione-cgil
Infuria il dibattito congressuale della CGIL, dentro e fuori le stanze dell’organizzazione.
Sotto la guida Camusso si prepara un terreno difficile da percorrere e si prepara un clima pesante e autoritario proprio nella fase di confronto.
La cacciata di Giorgio Cremaschi, promotore del documento alternativo “Il Sindacato è un’altra cosa”, dall’assemblea di Milano del 14 febbraio è lo specchio della crisi del Sindacato.
Le prese di posizione non concordate della Camusso e della Segreteria – a partire dalla recente firma sulle definizioni delle rappresentanze sindacali ma toccando anche la riforma dell’Art. 18 – sono sintomo di un Sindacato debole, non più rappresentativo (su 22 milioni di lavoratori italiani la CGIL conta 6 milioni di iscritti di cui però più della metà è composta da pensionati) e legato a doppio filo coi governi (ormai ereditari) delle larghe intese – responsabili del disastro sociale e politico – a marchio PD.

I Giovani Comunisti di Monza e Brianza esprimono la più sincera solidarietà a Cremaschi e ai compagni con lui presenti per i fatti di Milano dei giorni scorsi.
Solidarietà che si tramuta in sostegno per la loro lotta affinché il Sindacato torni ad essere quella grande e nobile macchina di difesa dei lavoratori: un Sindacato diverso da quello di servizi che si prefigura oggi e che può essere cambiato con questo Congresso sostenendo il documento alternativo.
Siamo altresì consci della difficile battaglia di quei compagni – in primis della FIOM – che, internamente (ma non si sa ancora per quanto), tentano di “sopravvivere” rivendicando il loro ruolo conflittuale.

Non è più tempo di rimandare la questione sociale: il Sindacato torni ad essere promotore di una visione del mondo del lavoro fatto di diritti e non di tagli ai “costi”; il Sindacato torni ad essere artefice di conflitto per rinegoziare le tutele ormai perse nel vortice del libero mercato.
A chiederlo non è un capannello di intellettuali, ma un’intera generazione di precari disillusi, che sogna ancora di poter lottare e che non trova interlocutori nello sfibrato tessuto della rappresentanza sindacale e sociale.

Giovani Comunisti Monza e Brianza

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Mettere in discussione gli accordi padronali: questo il compito immediato del PRC


446100 Manifestazione Nazionale della FIOM

Lo scorso 8 dicembre, nella sua giornata conclusiva, il congresso nazionale di Rifondazione Comunista ha approvato un ordine del giorno della federazione di Chieti che impegna il partito «ad organizzare momenti di discussione sul tema della democrazia nei luoghi di lavoro e di contrasto agli accordi che limitano i diritti dei lavoratori o li subordinano alla cosiddetta ‘competitività d’impresa’.» l’ordine del giorno chiamava in causa e criticava gli accordi del 28 giugno 2011 (sulle deroghe ai contratti) e del 31 maggio 2013 (su esigibilità dei contratti e rappresentanza sindacale). Tale impegno era (ed è) dettato dal fatto che la democrazia e l’agibilità sindacale sono questioni fondamentali «per la difesa e la tutela dei diritti nei luoghi di lavoro e per agire il conflitto quale terreno indispensabile per le conquiste dei lavoratori.»

A due mesi esatti dalla fine del congresso, quell’ordine del giorno è rimasto praticamente lettera morta. In conseguenza di quanto approvato dal congresso il partito ha prodotto solo un nuovo ordine del giorno, approvato nel CPN del 11 e 12 gennaio, molto più generico, che nella sostanza si limita ad auspicare per il congresso della Cgil «una svolta, che rimetta al centro la costruzione della mobilitazione, del conflitto e di un progetto alternativo alle politiche liberiste, per i diritti sociali e del lavoro». Ci pare un po’ poco. Certamente insufficiente rispetto a quanto si sta muovendo all’interno della Cgil, nonostante era già stata posta la firma della segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso sull’accordo del 10 gennaio 2014 che regola in maniera dettagliata le regole sulla rappresentanza e sull’esigibilità dei contratti. Una firma che pesa come una spada di Damocle sulla testa dei lavoratori che lottano ogni giorno nei luoghi di lavoro e sulle spalle della Fiom per schiacciarla con tutto il peso della “normalizzazione” entro cui la Cgil, da anni, cerca di riportarla. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Una settimana – Cinque anni


I candidati in città – Terza settimana:

1 – Lunedì 30 aprile,  8.15-12.00, POSTE CENTRALI
2 – Martedì 1 maggio, in mattinata al CAROBBIOLO coi sindacati, al pomeriggio a Pioltello coi lavoratori in lotta.
3 – Giovedì 3 maggio, al mattino, in CENTRO
4 – Venerdì 4 maggio, al mattino al MERCATO DI CEDERNA
Inoltre mercoledì 2, in sala Maddalena, dalle ore 21.00, sarà con noi Paolo Ferrero, per presentare il progetto politico della Federazione della Sinistra, coniugato nella politica brianzola e monzese.

Questa è l’ultima settimana di campagna elettorale, una tra le tante passate per le strade e le piazze di questa città in questi anni.

Domenica 6 e lunedì 7 sarete chiamati a esprimere una preferenza che segnerà il futuro di Monza.

Vi chiediamo di aiutarci a portare finalmente in consiglio comunale quelle battaglie che da cinque anni conduciamo in città per il bene comune, per il patrimonio pubblico, per l’ambiente urbano, per il lavoro e il reddito indiretto, per il diritto allo studio……

Date una preferenza per portare in consiglio comunale studenti, precari, impiegati, operai, cassintegrati. Il solo modo di vincere l’antipolitica è offrire sostegno a chi fa politica non per professione, ma per convinzione, per ostinazione, per dignità. In pagamento – e non è poco – soltanto le lotte vinte.

Date a Monza un’alternativa, votando Scanagatti. Insieme dateci forza, per far pesare all’interno della coalizione di centrosinistra, le specificità del nostro programma, per far sì che che l’alternativa diventi cambiamento reale, che la nostra città diventi Un’Altra Monza.

 VOTA FEDERAZIONE DELLA SINISTRA – NOI UN’ALTRA MONZA

per 
ROBERTO SCANAGATTI SINDACO
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: