Archivi tag: Lega Nord

Analisi dei dati e dei flussi migratori della Provincia di Monza e Brianza


barcone-migranti
Parlare di numeri reali può aiutare a ridimensionare l’allarmismo prodotto dalla campagna politica mediatica della lega Nord contro i migranti e la presunta “invasione” in atto sul territorio.

In Provincia vivono – al 31/12/2014 – poco più di 74.000 stranieri, circa 1.000 in più rispetto al 2013 (+1,24%).
Una media di 1.350 stranieri per Comune (che sono 55).
Nel 2012 le statistiche Caritas-Migrantes parlano di 5 milioni di stranieri sul territorio nazionale, pari all’8,2% della popolazione.

In Brianza vivono in totale 864.557 persone (con una lieve crescita rispetto al 2013 dello 0,22%, comunque prossima alla crescita zero e di segno positivo solo grazie ai nuovi stranieri). Sul totale dei brianzoli quindi l’8,58% è straniero (nel 2013 era l’8,50%). Un dato in linea con le statistiche nazionali (che dal 2012 ad oggi avranno sicuramente visto un aumento percentuale).
La Provincia di Monza e Brianza ha avuto dal 2006 al 2013 una forte pressione migratoria, cresciuta quasi del 60%, il numero di migranti residenti a livello regionale rimane comunque maggiore in altre provincie, quali Milano, Brescia, Bergamo, Varese.

Sono presenti più donne straniere che uomini (circa 3.000 donne in più rispetto agli uomini); sul totale delle donne brianzole l’8,79% è straniera, gli uomini stranieri sono l’8,37%.

Le nazionalità sono molto varie, in tutto sono rappresentati 153 paesi, ma il 50% degli stranieri appartiene a queste 5 nazionalità: romena, marocchina, albanese, ucraina e pakistana.
Un quarto degli stranieri è romeno e marocchino, i romeni – gruppo più numeroso (13.625 individui) seguito da marocchini (7.569), albanesi (6.962), ucraini (4.601) e pakistani (4.428) – da soli rappresentano il 18% degli stranieri e l’1,58% della popolazione residente in Provincia.
A seguire Ecuador, Perù, Egitto, Cina, Bangladesh.

Gli europei sul territorio sono 16.623, pari al 22% degli stranieri e all’1,9% della popolazione, i restanti 57.589 sono extraeuropei (77% degli stranieri, 6,6% della popolazione).

I dati di genere modificano lievemente la classifica.
Il nucleo straniero maschile più ampio è quello romeno (6.404), poi marocchino (4.111), albanese (3.608), pakistano (2.699) ed egiziano (2.113). Il nucleo femminile maggioritario invece è romeno (7.221), ucraino (3.572), marocchino (3.458), albanese (3.354) ed ecuadoregno (2.490).
Da notare alcune distribuzioni di genere spostate di più su un sesso: le ucraine sono più del doppio degli ucraini, lo stesso vale per le donne moldave, brasiliane, polacche, russe, cubane, thailandesi. All’inverso i maschi pakistani, egiziani, senegalesi raddoppiano rispetto alle donne della stessa nazionalità presenti.

Il primo paese UE per immigrati in Provincia è la Romania (al 1° posto per immigrazione), seguita al 19° posto per numerosità territoriale dalla Polonia (604), Spagna (456), Francia (386), Germania (349), UK (335), Croazia (199).
Da notare la presenza di 6 apolidi.

In sintesi su 100 brianzoli troverete solo 8 stranieri (alla faccia dell’invasione!) di cui solo 6 provenienti da Paesi extraeuropei, e per rispondere a chi si lamenta dei famigerati 35€ spesi dallo Stato per l’accoglienza, in primis ricordiamo che quei soldi non vanno in tasca ai migranti ma a cooperative private, in secondo luogo se dovessimo ipotizzare per assurdo che tutti i residenti stranieri in Provincia avessero diritto a tale contributo statale avremmo una spesa di 2 milioni e mezzo di euro che – divisi per i residenti italiani (prima gli italiani d’altronde…) – porterebbero nelle tasche dei brianzoli italiani la cifra da capogiro di 3 euro e 20 centesimi!
Una politica fatta di vuoto ma supportata dai media purtroppo nel nostro Paese è vincente…

Non per ultimo le politiche razziste e fasciste che predominano il dibattito politico sono anche responsabili di un clima di odio e di discriminazione razziale: nel 2013 su 1.142 casi segnalati di discriminazione, il 68,7% era a base razziale (dati nazionali UNAR) ed il 7% riguardava l’accesso al mondo del lavoro, dei servizi e alla casa.

Claudio Rendina, Giugno 2015

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Maroni a Monza: no grazie! (Comunicato PRC Monza)


Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del circolo PRC “Peppino Impastato” di Monza.

Maroni incontra gli industriali della Brianza: smascheriamo le connivenze e le finte contrapposizioni.

Maroni con Zaia e Toti, governatori della Lega Nord e suoi alleati, sono in prima fila nella campagna razzista contro i richiedenti asilo e i migranti che fuggono da guerre generate e alimentate anche dalla Lega Nord quando era al governo nazionale.
Maroni ha ratificato i trattati di Maastricht e di Lisbona con i quali banche e finanza espropriano i governi nazionali del diritto di scegliere le proprie politiche economiche e sociali.
Maroni vorrebbe svendere il patrimonio pubblico di alloggi popolari con la nuova legge 27/2015 in discussione in Regione Lombardia, oltretutto affidando la gestione di una parte essi ad associazioni compiacenti.
Lo stesso Maroni che in Regione Lombardia aumenta il finanziamento alle scuole private e taglia i fondi per l’assistenza sociale.
Sono queste le ricette che Maroni propone come modello per la Lombardia.

Il Partito della Rifondazione Comunista si oppone alle politiche neoliberiste di Maroni, della Confindustria e del governo Renzi contro i tagli all’assistenza sociale, alla scuola pubblica e ai diritti delle lavoratrici e dei lavoratori.

Monza, 21/06/2015

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

25 aprile 2015


Muggiò Città@perta

Come si comportano nel mondo i nostri antifascisti (o presunti tali) e tutti gli altri che mai lo sono stati.

Il caso ucraino.

Rinchiusi, circondati, braccati. Stanati come si fa con le api, allontanandole col fumo e col fuoco dal proprio alveare. Peccato che l’alveare è un palazzo di 5 piani con le uscite sbarrate da un’orda di neofascisti e neonazisti ucraini, armati con spranghe e pistole.

incendio sindacato odessaCon l’incendio della Casa dei Sindacati ad Odessa la nuova Ucraina si macchia di un crimine efferato, non solo per la strage umana commessa – decine di morti, di tutte le età, donne e uomini, ardono vive – ma anche per la scelta del luogo da assaltare. Un luogo democratico, vivo, sede dei lavoratori, un luogo identico a quelle Case del Popolo bruciate dalle squadracce fasciste italiane nei decenni bui della storia italiana.

Il governo ucraino, nato dal golpe filoamericano ed europeista, formatosi…

View original post 530 altre parole

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Partita doppia


l43-lega-nord-salvini-140122173026_mediumChissà di cosa hanno piacevolmente parlato Matteo Salvini e le milizie filorusse in Ucraina. Le sanzioni? Putin? Il Milan? Chissà di cosa hanno amabilmente discusso Matteo Salvini e il leader nordcoreano Kim Jong Un. Strade pulite? Parate militari? I capelli di Razzi? Chissà se il segretario della Lega Nord ha raccontato con che voti ha eletto europarlamentari in Centro Italia, con quali associazioni il suo partito organizza iniziative territoriali, chi saranno i simpaticoni invitati alla manifestazione nazionale del 18 ottobre. Immaginate le facce dei combattenti ucraini, che da mesi lottano contro un golpe eversivo attuato col decisivo contributo dell’estrema destra, al sentire quei nomi. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

STOP LEGA NORD!


stoplegaGC-Pagina001

18/10/2014
MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA e ANTIRAZZISTA contro la manifestazione #Stopinvasione di Lega Nord e estrema destra a Milano.

Pre corteo a Monza dalle 13.30 in Piazza Bonatti e poi raggiungiamo alle 15 il corteo che parte da Piazza Cairoli a Milano.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

LA LOMBARDIA ANTIMAFIA RISPONDE…


LA LOMBARDIA ANTIMAFIA RISPONDE ALLA PROVOCAZIONE DEL SINDACO DI PONTERANICA.

Nonostante il giorno feriale e il poco tempo a disposizione per rispondere alla provocazione del sindaco di Ponteranica, che di fretta e furia ha voluto intitolare la biblioteca intitolata a Peppino Impastato ad un Frate, decine di persone sono arrivate e siamo riusciti a fare anche una breve manifestazione che ha disturbato l’evento. Dal canto suo il sindaco non è riuscito nemmeno ad avere la copertura della scuola che avrebbe dovuto “fornire” una classe di bambini per fare da tappezzeria al suo insulso inutile e provocatorio gesto. Ma dai mafiosi leghisti lumbard non si può attendere altro. A Ponteranica abbiamo già scritta una pagina nobile dell’Antimafia Sociale, ma per il gesto ostinato e irresponsabile del sindaco leghista le mafie gongolano.

Appuntamento per tutti quanti a Settembre per una grande manifestazionale Antimafia. 

Osservatorio Antimafie di Monza e Brianza

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: